home

8 Feb/ Paolo Barelli all'Ansa:apertura delle piscine alle nostre condizioni

Dopo le indiscrezioni circolate nelle scorse ore in merito alle possibili riaperture delle piscine e delle palestre nelle zone gialle ed arancioni, riaperture condizionate da ulteriori misure restrittive, il Presidente della Federnuoto Paolo Barelli ha rilasciato una dichiarazione all'ANSA in cui ha chiaramente confermato che le regole di accesso in acqua devono considerare le indicazioni date dalla Federazione al CTS.

 

 

Da www.federnuoto.it

La possibile riapertura delle piscine è un passo avanti frutto delle riunioni con il Cts, ma al comitato scientifico la federnuoto chiede di portare a 7 metri quadri per utente il limite di frequenza. Lo dice Paolo Barelli, presidente della Fin, in una dichiarazione all'ANSA. "Le notizie riportate oggi sui mezzi di informazione indicano che a breve potrebbero riaprire a tutti gli utenti le piscine e le palestre - sottolinea Barelli -. L'orientamento nasce dalla riunione fortemente voluta dalla Federnuoto con il CTS e il Dipartimento Sport tenutasi circa un mese fa presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri alla presenza mia e del prof. Marco Bonifazi, presidente della commissione medico-scientifica federale". Paolo Barelli in una dichiarazione all'ANSA, rivendica quello che definisce il nuovo "orientamento" del Cts sull'ipotesi di riapertura delle piscine. "Nel corso dell'approfondimento - le parole di Barelli - è stato riscontrato che il protocollo già redatto e pubblicato dalla FIN in accordo con il Dipartimento dello Sport risponde ai requisiti necessari per il contenimento della diffusione del COVID-19". Il n.1 della Fin ha sottolineato che "a seguito della riunione il CTS ha redatto un verbale indicando alcune prescrizioni (ad esempio 10 mq di acqua in piscina per utente a fronte dei 7 mq indicati dalla FIN) che sono diventati i riferimenti per valutare la possibilità di consentire nuovamente l'accesso alle piscine, non solo agli atleti di interesse nazionale, ma anche agli altri praticanti, nel pieno rispetto del protocollo della FIN". "La riunione tra FIN, CTS e Dipartimento dello Sport si è svolta in un clima di piena collaborazione ed in un periodo in cui la pandemia registrava dati molto più critici di quelli attuali. Pertanto la FIN, in coordinamento con il Dipartimento dello Sport presso la Presidenza del Consiglio - ha concluso Barelli - chiederà al CTS di contenere a 5/7 mq il limite di frequenza per utente, ritenuto sufficiente ai fine di prevenire il contagio e garantire la salute di tutti i fruitori". (ANSA) 


Stefano Palazzo
Area Comunicazione
Federnuoto Puglia

 

Login

Effettua il login o registrati
per accedere ai servizi extra
hai perso la password?

fotogallery

Pietro Bocciardi Ph. SwimForLife Gazzetta del Mezzogiorno del 29-10-2020 conferenza stampa open water fin puglia 2020
Marco de Tullio ed il Presidente Nicola Pantaleo Open Water Puglia 2020 Gazzetta del Mezzogiorno 23-05-2020 Gazzetta Del Mezzogiorno 27-04-2020 Intervista Presidente Nicola Pantaleo
Buona Pasqua 2020 La Repubblica 29-03-2020 Filippo De Rosa Polisportiva Delfinia coordinatori regionali salvamento FIN PUGLIA
aQa Dicembre 2019 2 aQa Dicembre 2019 1 Staffetta Netium Luca Serio con il Presidente Baux ed i coach  Corrente e Tagliente
Di Liddo Oro 100 farfalla Campionato Italiano Open Gaetani Argento 200 dorso Campionato Italiano Open Castello Bronzo 200 rana campionato Italiano Open Pilato Oro 50 rana Campionato Italiano Open 2019


Circolari GUR


corso per bagnanti


corso per istruttori