La Storia del Nuoto

 

Il nuoto divenne un fatto agonistico soprattutto a Roma, durante l'età imperiale. Decaduto nel Medioevo, ricominciò a svilupparsi come disciplina sportiva nel XVIII sec., specialmente in Francia e in Germania. Fu merito del tedesco Guts Muths l'aver organizzato (1833) le prime gare di nuoto e tuffi, che fornirono l'occasione per una successiva regolamentazione tecnica e stilistica del nuoto.

 


Le Gare

 

Le gare di nuoto si svolgono in vasche lunghe 50 m. Gli stili agonistici sono quattro: libero (o crawl), dorso, rana, farfalla.
In campo internazionale il nuoto agonistico è regolato dalla Fédération Internationale de Natation Amateur (F.I.N.A.) alla quale aderisce la Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.). Le gare più diffuse sono quelle ammesse ai Giochi Olimpici cioè, tanto per il settore maschile quanto per quello femminile: 50, 100, 200, 400, 800 e 1500 m stile libero, 100 e 200 dorso, 100 e 200 rana, 100 e 200 farfalla, 200 e 400 misti (dorso, rana, farfalla e una frazione con qualsiasi stile tranne i tre precedenti; di regola lo stile adottato è il crawl), 4x100 stile libero, 4x200 stile libero e 4x100 mista.

 

 

Login

Effettua il login o registrati
per accedere ai servizi extra
hai perso la password?

fotogallery

Gazzetta del Mezzogiorno 10-07-2019 gaetani-pilato kazan 2019 team puglia kazan 2019
Bari-Taranto u13 Waterpolo Bari prima classificata Final Six under 13 2019 Baux Mediterraneo Taranto seconda classificata Final Six under 13 2019 Fimco Sport terza classificata Final Six under 13 2019
Patrizia Zappatore premia Michele Misceo Patrizia Zappatore premia Giuseppe Cautilli Premiazione Andrea Liso per Pasquale Cascone I consiglieri regionali FIN Massimo Donadei e Giovanni Tau
wp1-mediterraneo 9 wp1-mediterraneo 8 wp1-mediterraneo 7 wp1-mediterraneo 6
wp1-mediterraneo 5 Donadei-Merlini scambio maglie wp1-mediterraneo 4 wp1-mediterraneo 3


Circolari GUR


corso per bagnanti


corso per istruttori